Clubres DOLOMITI emotions - Vivere la vacanza

News e Consigli per le Tue Vacanze in Trentino e in Sardegna

Vigo di Fassa, piccolo borgo antico tra i più belli d'Italia

Paesaggio_estate_Vigo_AntonSessa

Tra i "Borghi più belli d'Italia" c'è anche Vigo di Fassa, tra Moena e Canazei, un paese dalle tradizioni vive e dagli scorci che sembrano ritagliati da un dipinto di fine Settecento. Saranno state queste alcune delle motivazioni che hanno convinto il comitato scientifico di "Borghi più belli d'Italia" presieduto dall'ingegner Bacilieri? Tante le manifestazioni estive per valorizzare e far conoscere questo piccolo gioiello architettonico e paesaggistico in tutte le sue sfaccettature.

Vigo di Fassa tra i "Borghi più belli d'Italia"

Tra tutti i paesi della valle di Fassa, Vigo è sicuramente uno dei più caratteristici, dove si respira maggiormente tradizione e autenticità e dove l'amore e l'attenzione degli abitanti per il loro paese è forse più radicata.

Essere parte del circuito "Borghi più belli d'Italia" non è cosa da poco. Significa far parte di un brand riconosciuto come garanzia di prestigio. Il circuito punta a una riscoperta dell'essenza autentica del borgo in questione aprendo i riflettori sulle caratteristiche architettoniche, tradizionali, artigianali. Devono essere rispettati e valutati un severo regolamento e dei criteri stringenti. Vigo di Fassa (dall'inizio del 2018 facente parte del nuovo comune di Sèn Jan) ha ottenuto questo importante riconoscimento lo scorso anno. Per essere più precisi, sono state le sei frazioni (San Giovanni/Sèn Jan, Costa, Val, Larcioné, Vallonga/Valongia e Tamion) a raggiungere l'ambito traguardo. 

Una passeggiata nei dintorni di Vigo 

 Il dosso del Ciaslir, che domina il paese di Vigo, merita sicuramente una visita e ci dà l'occasione di fare una piacevole passeggiata e visitare tre interessanti attrazioni di Vigo. Oltre a ripercorrere i passi degli uomini dell'età del ferro che lo hanno abitato in un castelliere di cui sono stati ritrovati i resti, l'appuntamento immancabile è con la chiesa di Santa Giuliana (Sènt'Ugèna in ladino).

Si arriva al santuario grazie a un percorso ad anello di 2,7 Km che richiede circa 2 ore per essere percorso interamente e che parte e arriva nel paese di Vigo. Santa Giuliana è la patrona della valle di Fassa e il santuario a lei dedicato a Vigo è la chiesa più antica di Fassa. La sua consacrazione risale al 1452, ma se ne trova traccia negli archivi dal 1237, anche se è opinione degli storici dell'arte che esistesse già prima del 798. 

La chiesa di Santa Giuliana è meta di pellegrinaggi e funzioni religiose molto sentite dai ladini, che sono devoti a questa santa di cui poco in realtà si sa, e il cui martirio è affrescato all'interno della chiesa. Imperdibili i rintocchi delle campane suonate manualmente nelle occasioni speciali con la tecnica del "fermabattaglio".

La salita al col de Ciaslir ci riserva un'altra sorpresa: adiacente al santuario di Santa Giuliana e della stessa epoca, troviamo la cappella dedicata a San Maurizio, in stile gotico con ripido tetto a capanna e un affresco di S. Cristoforo sulla facciata principale. 

Foto: A. Sessa - Pro Loco Vigo di Fassa

 Nelle prossimità della chiesa di Santa Giuliana è possibile visitare il cimitero di guerra austro-ungarico, monito silenzioso alle guerre di oggi, nel quale riposano i resti di 663 soldati austriaci caduti durante la Grande Guerra. Il confine distava solo pochi chilometri e nel 1916 i reparti austroungarici decisero di allestire un cimitero militare al quale lavorarono i fanti austriaci e numerosi prigionieri russi.

Tornando all'abitato di Vigo e proseguendo verso la strada provinciale 48, giungiamo alla frazione di Sèn Jan, che da gennaio 2018 dà il nome al nuovo comune che riunisce gli ex comuni di Pozza e Vigo. A Sèn Jan una visita al Museo Ladino di Fassa ci fa entrare nel mondo ladino, fatto di tradizioni, artigianato, ricorrenze e rituali.

Poco a valle la nostra scoperta di Vigo può proseguire con l'irrinunciabile visita alla Pieve di San Giovanni (Pieif de Sèn Jan), che svetta, quasi come fosse una cima, sullo sfondo del Latemar. Vale la pena di visitarla con una delle visite guidate organizzate gratuitamente dal Comitato Manifestazioni Locali di Vigo di Fassa, poiché la chiesa di Sèn Jan è uno egli esempi più significativi del tardogotico ladino.

Chi ricerca il fascino delle antiche abitazioni rurali, troverà la sua meta ideale la frazione di Tamion. Si tratta di un borgo di poche case, che conservano la loro struttura caratteristica con il tradizionale tobià, raggruppate attorno ad una chiesetta. Il paesino è immerso nel verde e leggermente discostato dalla strada principale, con un silenzio quasi introvabile al giorno d'oggi e un panorama mozzafiato. Un tuffo indietro nel tempo!

Da Tamion possiamo, infine, tornare a Vigo attraverso un sentiero che passa per un'altra delle frazioni di Vigo: Vallonga, in posizione soleggiata e panoramica; oppure passando per Larcioné. Numerosi sono i sentieri che collegano le frazioni di Vigo, e un altro nuovo è in fase di allestimento, "La strada dei borghi", che collegherà le varie frazioni di Vigo e valorizzerà ulteriormente monumenti e architettura di questo caratteristico paese dolomitico. 

Gli eventi estivi a Vigo di Fassa e dintorni

ENTORN VICH: stand gastronomici, musica per le vie delle frazioni di Vigo. Golosi assaggi, lavorazioni tipiche del passato e musica folk. Stand aperti dalle 20 alle 23 (1, 10 e 24 luglio, 21 agost e 2 settembre)

IL BANCHETTO DI RE LAURINO: serate enogastronomica itinerante al Ciampedìe tra i rifugi della zona, a quota 2000 m, immersi nelle Dolomiti rosate del regno di Re Laurino (19 luglio e 2 agosto)

FASSA STREET FOOD FESTIVAL: cucine su quattro ruote proporranno cucina tipica regionale per le vie di Vigo. Condimento speciale: buona musica e divertimento! (27-28 e 29 luglio)

FESTA DEL CANEDERLO: degustazione di vari tipi di canederli accompagnato da musica tradizionale (9 agosto)

...e tanto altro! 

Info, prenotazioni e calendario aggiornato sul sito www.entornvich.com

(Testi tratti dalla rivista Dolomiti Emotions)

Le spiagge più belle di Golfo Aranci
Un'estate da vivere in Trentino

Destinazioni